Storia dei gemelli

I gemelli sono stati un elemento persistente dello stile maschile per quasi 800 anni e possono aggiungere un tocco di fantasia e originalità al guardaroba e allo stile dell'uomo più formale, più o meno come succede con le cravatte.

Sono normalmente composti di due parti uguali, o in alternativa con una parte generalmente di forma circolare oppure con un perno posteriore. La parte frontale può assumere varie forme ed essere dei più svariati materiali, tra cui oro o gemme che possono trasformare i gemelli in veri gioielli.

I gemelli sono sempre stati un segno di eleganza e potenza: antichi geroglifici trovati nella tomba di Tutankhamon attestano il suo uso in bracciali di pelle.

Prima della loro comparsa, i sarti utilizzavano i bottoni esclusivamente come decorazione, e gli uomini usavano per abbottonare i loro vestiti ganci, cinghie e nastri. Solo nel corso del XIII secolo, i sarti hanno iniziato a usare i bottoni per abbottonare.

Lo sviluppo degli occhielli nel Rinascimento contribuisce ad aumentare la popolarità del bottone. Ma non è stato fino al periodo post-rinascimentale, nel 1600, che i bottoni decorati a coppie uniti da una piccola catena sono diventati un elemento di rigore tra le classi superiori in Europa, soprattutto in Gran Bretagna.

I gioiellieri cominciarono a inventare variazioni su ciò che essi chiamano "bottoni delle maniche" in argento e oro con disegni incisi, o modelli spesso intarsiati con pietre preziose.

I nobili celebravano i loro matrimoni e altri eventi speciali con essi, e l'uso di due gemelli è diventato il simbolo di eleganza dell’uomo.

I bottoni di vetro apparvero nel XVII secolo come variante più appariscente, ma di costo inferiore rispetto ai diamanti e alle altre pietre preziose.

Nel corso del XVIII secolo un nuovo materiale, la pasta di vetro (una miscela di parti di vetro smerigliato che assomigliano a gemme intagliate) entrò in uso diffusamente e divenne un materiale popolare per la copertura di due gemelli e bottoni grazie alla diminuzione dei prezzi. La moda inglese si diffuse anche in Francia, dove divenne popolare tra la nobiltà.

Nel 1788 apparve per la prima volta in documenti scritti il termine "gemelli".

Alla fine del periodo napoleonico, Fabergé perfezionó la tecnica di gioielli smaltati, e cominciò a esportare i suoi prodotti in tutto il mondo. Nel 1845, i gemelli entrano nella storia della letteratura con il romanzo di Alexandre Dumas, Il Conte di Monte Cristo, che descrive i polsi elegantemente adornati del Barone Danglars, che "... molto si raccomandava agli occhi del volgo per i suoi cavalli, per l’enorme diamante che portava alla camicia, e per il nastro rosso che si stendeva da un capo all’altro della bottoniera dell’abito".

È stato detto che sono state le maniche dei personaggi dei romanzi di Dumas a ispirare introdurre sarti francesi pugni chiamati "francese" o “doubled-over”.

La pratica di usare i gemelli si diffuse e divenne onnipresente nel XIX secolo. Gemme di imitazione, come vetro fuso, mica e vetro, così come l'oro e l'argento sono stati utilizzati dai gioiellieri per creare gemelli accessibile alle masse.

Nel periodo vittoriano, i gemelli da polso sono stati essenziali per il guardaroba di ogni gentleman.

Il più delle volte i gemelli si facevano ancora, come nel XVII secolo, con due facce ornate collegate da una piccola catena. Erano particolarmente popolari tra avvocati e giuristi inglesi, poiché i codici di abbigliamento molto rigorosi in vigore all’epoca non permettevano loro di essere molto vari, originali o stravaganti nel vestire. Trovavano così un modo educato per esprimere la loro il buon gusto.

All'inizio del XX secolo era considerato molto di buon gusto regalare gemelli. L’imperatrice russa Maria Feodorovna regalava spesso gemelli smaltati fatta dal suo gioielliere ufficiale, Fabergé.

Negli anni Venti del secolo scorso è stato inventato il sistema di chiusura con meccanismo a cerniera in T ancora in uso.

Tuttavia, la popolarità delle camicie “button down” negli anni 1960 e 1970 fece diminuire rapidamente la domanda di gemelli. Negli anni '70 i gemelli caddero quasi del tutto in disuso, data la schiacciante predominanza delle camicie con bottoni fissi.

Dal 1980 in poi, le camicie con pugno francese o la loro variante (la camicia “gemellabile” che offre entrambe le possibilità) ritornarono nuovamente nel guardaroba maschile.

In questi ultimi anni sono tornate a essere popolari, soprattutto tra i giovani professionisti che vogliono aggiungere un tocco personale al loro stile.


Non ci sono prodotti

Da determinare Spedizione
0,00 € Totale

Paga